"Ogni volta che un bambino prende a calci qualcosa per la strada lì ricomincia la storia del calcio". Jorge Luis Borges

L’Union Pro con la sconfitta per 3 a 1 contro la capolista Luparense ha interrotto la serie positiva che durava da 6 giornate ma non ha assolutamente sfigurato contro la Juventus dell’Eccellenza…

Mister avere rimpianti per non aver fatto punti contro la prima è un buon segnale su quanto è cresciuta la squadra giusto?

«Non posso rimproverare nulla ai miei ragazzi sotto il piano dell’impegno. Siamo partiti con la testa e l’intensità giusta ma alla prima occasione la Luparense ci ha castigato. Per l’ennesima volta abbiamo regalato 2 gol e soprattutto contro una squadra esperta e mestierante come loro non te lo puoi permettere».

Nel secondo tempo, anche grazie alla superiorità numerica, avete riaperto la partita e sembravate in grado di pareggiarla.

«Si nella ripresa abbiamo fatto sicuramente meglio noi, eravamo riusciti a tornare in partita con il rigore di Volpato ma purtroppo poi ci siamo fatti trovare scoperti prendendo il 3 a 1 in contropiede su un’altra disattenzione. Il terreno pessimo alla fine ha sfavorito di più noi visto che la Luparense si è adeguata meglio preferendo i lanci lunghi al palleggio. La sconfitta alla fine ci sta ma i 2 gol di differenza sono eccessivi per quanto si è visto».

 Alberto Duprè